Thumbnail
I TRE SEGRETI DELL'UMIDITA' DI RISALITA NEI MURI

Ci sono tre dati di fatto relativi all'umidità di risalita nei muri, spesso molto trascurati e non così noti come dovrebbero esserlo:

PIU’ IL MURO VIENE FATTO TRASPIRARE E PIU’ ATTRAE UMIDITA’

Sembra incredibile ma è proprio così; l'acqua dei muri è responsabile, al limite solo della muffa nera. I veri danni ai muri, come pittura che fiorisce e si scrosta, intonaco che si sfalda e mattoni che si corrodono vengono creati dai SALI MINERALI presenti nel terreno. Fra questi sali minerali, il più noto è il nitrato di potassio, detto Salnitro. Questi Sali, presenti sia nel terreno che nei materiali usati per costruire il muro (mattoni e malta), sono disciolti nell'acqua e vengono spinti all'interno dei mattoni dal movimento capillare dell'acqua.

Quanto arrivano sull'intonaco, l'acqua evapora mentre i sali rimangono e cristallizzano. Avete mai notato che l'acqua gelando aumenta di volume? Ebbene questi sali, cristallizzandosi, aumentano il loro volume di 14 volte e generano, così, delle spinte altissime, fino a 2000 kg per centimetro quadrato. Sono queste pressioni che fanno fiorire la pittura murale e fanno scoppiare gli intonaci. I sali, col tempo, intasano completamente gli intonaci, rendendoli praticamente impermeabili e impedendo loro di traspirare.

I PRINCIPALI DANNI AI MURI SONO CREATI DALL’ACQUA

Sembra incredibile ma è proprio così. Il deterioramento dei muri, come ad esempio pittura che si scrosta, intonaco che si sfalda e mattoni che si corrodono, è causato dai SALI MINERALI; il più conosciuto di questi sali minerali, soprattutto per i maggiori effetti dirompenti che lo caratterizzano, è il nitrato di potassio, detto comunemente Salnitro. In generale, i Sali, presenti sia nel terreno che nei materiali di costruzione (mattoni e malta), sono disciolti nell'acqua e vengono condotti all'interno dei muri attraverso il fenomeno della capillarità. Quando arrivano nella parte esterna del muro (nell'intonaco) l'acqua evapora ed essi cristallizzano. Avete mai notato che l'acqua gelando si espande ed aumenta di volume? In maniera analoga, i sali, cristallizzandosi, possono incrementare di volume di ben 14 volte, giungendo ad esercitare all’interno dei materiali edili delle pressioni fortissime (fino a 2.000 kg per centimetro quadrato). Sono proprio tali pressioni che spingono i sali ad affiorare sulla superficie della pittura e che fanno letteralmente “scoppiare” gli intonaci. Con il passare del tempo, i Sali stessi ostruiranno completamente i pori degli intonaci, rendendoli del tutto impermeabili ed impedendone anche la traspirazione.

I MURI UMIDI POSSONO CONTENBERE MIGLIAIA DI LITRI DI ACQUA

I mattoni sono molto porosi, e possono essere paragonati a delle spugne; questa loro caratteristica fa sì che assorbano parecchia acqua. Circa il 30% dello spazio presente all’interno dei mattoni è costituito da aria. Un metro cubo di mattoni può, portato alla saturazione, giungere a contenere fino a 300 litri di acqua. Una casa afflitta dal problema dell’umidità di risalita può quindi contenere all’interno dei muri migliaia di litri d’acqua. Nel caso del metodo di taglio dei muri (ancora tristemente consigliato da molti tecnici) dove andrà a finire tutta quest'acqua? Da nessuna parte! Tutte quelle migliaia di litri di acqua continueranno a permanere all’interno dei muri creando problemi alle persone che abitano quegli immobili. Di media infatti, una muratura umida, impiega circa 7-8 anni per deumidificarsi completamente. In tutti questi anni i muri continueranno ad essere umidi ed a dissipare calore all'esterno, mantenendo elevati i costi per il riscaldamento dei locali.