Funzionamento di Aquapol
COME FUNZIONA ACQUAPOL

Il dispositivo Aquapol (Fig. B/4) non utilizza energia elettrica e, pertanto, non sviluppa campi elettro-magnetici; all'interno è costituito da antenne trasmittenti e riceventi (vedi Figura A). Non sono presenti al suo interno componenti elettriche ed il materiale di cui è composto non è deteriorabile. La Terra è soggetta a delle vibrazioni (onde) magneto-gravitazionali, le quali vengono captate dal dispositivo Aquapol (forma di cono della Fig. B/5) mediante la sua antenna ricevente (Fig. A/1).

Sempre all'interno del dispositivo è presente un’unità di polarizzazione (Fig. A/2 = polarizzatore), la quale inverte la direzione delle vibrazioni (onde) captate dall'antenna ricevente; l'energia polarizzata così in senso inverso viene ritrasmessa nell'ambiente dalle antenne trasmittenti (Fig. A/3) fino ad un certo raggio d’azione (Fig. C/6). Dalla parte superiore del dispositivo confluisce dell’energia aggiuntiva, la cosiddetta energia cosmica libera, così come definita in Fisica (Fig. C/7).

Tutti i muri che ricadono entro il raggio d'azione del dispositivo (Fig. D) sono soggetti al fenomeno di deviazione del flusso dell'acqua (umidità) presente al loro interno, verso il sottosuolo. Dentro il muro l'umidità tenderebbe a salire per effetto del fenomeno della capillarità. Dopo l'installazione del dispositivo Aquapol, le molecole d'acqua salina si dirigono verso il basso (in seguito ad un’effetto fisico che si manifesta solamente all'interno del muro), il muro si deumidifica e si mantiene asciutto da lì in poi.

L'apparecchio viene tarato a seconda dell'edificio da prosciugare, poiché il suo raggio d'azione, che attraversa muri e pareti, può raggiungere dai 70 ai 400 mq di superficie piana. L'energia utilizzata da Aquapol è la stessa energia con la quale convivono tutti gli esseri viventi da quando esiste la terra. La funzione dell'apparecchio è solo quella di invertire la direzione di questa energia senza creare scompensi biologici, bensì un effetto benefico per tutte quelle forme di vita che si trovano sopra le zone geo-patogene (ossia zone con elevate radiazioni terrestri, per esempio disturbi causati da falde acquifere, ecc.).

Il dispositivo viene selezionato, tra i vari modelli disponibili, in base alle caratteristiche dell'edificio da deumidificare. Il raggio d'azione di un singolo dispositivo Aquapol si estende attraverso muri e pareti e può perfino superare, nel caso del modello più grande, i 1000 mq di superficie piana. L'energia utilizzata dal dispositivo è la stessa con la quale convivono tutti gli esseri viventi da quando si è formata la Terra. Il dispositivo inverte semplicemente la direzione di questa energia senza creare scompensi biologici; apporta invece un ‘effetto benefico a tutte quelle forme di vita che si trovano sopra le cosiddette zone geo-patogene (zone con elevate radiazioni terrestri: aree in cui si sperimentano dei disturbi, malesseri causati dalla presenza di falde acquifere sotterranee, ecc.).